Ariousios Afstiròs

11,80

Vino raro di Chios dalle varietà autoctone Kraserò di Chios e Agiannitis. Prodotto nel “paese di Ariousios”, zona dell’isola identificata sin dall’antichità per la qualità delle uve e del vino (Strabone 1° sec. A.C. ed altri).

Come dice il suo nome è un vino austero che non ha paura del tempo nè del consumo reiterato.

Bt. 0,75lt.

logo cantina ariousios

Descrizione

 Ariousios Afstiròs

PRODUTTORE: Cantina Ariousios, Egrigoros, isola di Chios

NOME DEL VINO: Ariousios Afstiròs. Afstihròs in greco significa “austero”, “severo”, “rude”. Con lo stesso nome di Αυστηρός (Afstiròs), lo scrittore Ateneo di Naucrati si riferiva, nella sua opera “Deipnosophistai” (II sec. D.C), come al miglior vino prodotto a Chios. Secondo la tradizione, impossibile da verificare, questo era il vino di Omero.

TIPOLOGIA: vino rosso secco.

ANNATA: 2015

CLASSIFICAZIONE: Indicazione Geografica Protetta -I.G.P. “Chios”.

UVAGGIO: 70% Kraserò di Chios, 30% Agiannitis. Entrambe le uve sono autoctone dell’isola e vantano una antichissima storia ampelografica. Non sono note coltivazioni di queste varietà al di fuori di Chios e delle piccole isole limitrofe.

VIGNETO: le uve provengono dalla “Vigna della Madonna”, vigna posta in posizione particolarmente favorevole nella zona nord-occidentale dell’isola. Questa zona era stata individuata già nell’antichità per la qualità delle uve e del vino che dava e in questi termini ne parla Strabone (1°sec. A.C.) chiamandola “il paese di Ariousios”.

Il “paese di Ariousios” è caratterizzato dall’impervio andamento orografico che costringe a sistemare le viti su terrazzamenti, mentre la vicinanza del mare Egeo, con le sue continue brezze, apporta la necessaria umidità e salubrità alle piante che non vengono irrigate. Infine, la vicinanza del mare e della montagna comportano una forte escursione termica fra il giorno e la notte, con conseguente maturazione ottimale delle uve.

La conduzione della vigna avviene senza l’impiego di fertilizzanti di sintesi,  e viene concimata esclusivamente  con letame e con le uve e i raspi di scarto.

RESA PER ETTARO: 80q.li/ha

BOTTIGLIE PRODOTTE: 16.000

VINIFICAZIONE: le due varietà che compongono il blend dell’Afstiròs vengono raccolte in tempi diversi e, pertanto, vengono vinificate separatamente. Le uve vengono dapprima attentamente selezionate a mano. La sola varietà Kraserò di Chios subisce un breve appassimento, in quanto l’uva presenta un basso titolo alcolico. Segue una macerazione a temperatura controllata. La vinificazione avviene in tini di acciaio.  La successiva maturazione avviene, sempre separatamente per le due varietà, in barrique francesi per un periodo variabile a seconda delle annate (per l’annata 2015 il periodo è stato di 8 mesi).

Finita la maturazione il vino viene assemblato e affinato in acciaio per altri 4/5 mesi.

L’affinamento finale avviene in bottiglia per un periodo di 24 mesi.

CONTENUTO ALCOLICO: 13%

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE: il colore di questo vino è rosso rubino, con la varietà Kraserò di Chios che partecipa decisamente alla colorazione (gli antichi caratterizzavano il vino di Chios come “nero”).  Al naso emergono le note di frutti rossi tipici, invece, della varietà Agiannitis completati dalle note terziarie della barrique. In bocca tornano predominanti le caratteristiche del Kraserò, con i tannini vigorosi ma ben lavorati, il corpo medio e l’acidità e l’alcool bene integrati.

ABBINAMENTI: questo raro vino greco accompagna molto bene piatti primi  con salse piccanti e secondi di carne con condimenti di pomodoro. Da provare anche con primi piatti a base di crostacei: in questo caso si consiglia di refrigerarlo prima di servirlo.

TEMPERATURA DI SERVIZIO: 16-18°C per primi piatti di carne e secondi. Nel caso si voglia abbinare l’Afstiròs Ariousios a piatti di pesce, è preferibile refrigerarlo fino ai 12°C.

Nell’uno come nell’altro caso si consiglia di aprire il vino una mezz’ora prima di servirlo.

EVOLUZIONE: questo vino di Chios evolve positivamente anche fino ai 10 anni.

Nota del selezionatore: L’Afstiròs Ariousios fa fede al suo nome, essendo un vino austero, rude in gioventù per via dei tannini, per poi diventare saggio, e che non ha paura del tempo nè del consumo reiterato. Una piccola gemma della terra di Omero e dei vini delle isole greche.

Brand

Cantina Ariousios

La cantina Ariousios si trova a Egrigoros, nella parte nod-occidentale dell'isola di Chios. Questa zona, denominata "paese di Ariousios" dal geografo Strabone (1°sec. A.C.), era conosciuta già nell'antichità per la qualità delle uve e dei vini che produceva. E "il vino di Ariousios" veniva contato e citato fra i migliori della Grecia da Ateneo di Naucrati (2-3° sec. D.C.) nel celebre libro Deipnosophistai (I dotti a banchetto). Di fatto Strabone descrive un terroir così fatto: le vigne sono a mezzacosta fra il mare e la montagna, disposte su terrazzamenti, non irrigate e non irrigabili, con la brezza continua dell'Egeo a rinfrescare e apportare quel minimo di umidità necessario alle piante. Il terreno è argilloso, l'escursione termica fra giorno e notte importante e decisiva per la piena maturazione delle uve. Oggi la Cantina Ariousios lavora per riportare il vino di Chios alla fama che aveva nell'antichità, in quello stesso terroir e con le varietà rosse autoctone dell'isola, il Kraserò di Chios e l'Agiannitis. E poichè tutto ciò nasce dall'amore per la propria terra anche le pratiche agronomiche sono rispettose dell'ambiente: solo concime naturale e riutilizzo dei raspi e delle uve di scarto per ripristinare quanto sottratto al terreno.
logo cantina ariousios

Informazioni aggiuntive

Peso 1.25 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ariousios Afstiròs”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *